Effluvio e Defluvio

[LEZIONE 5]

I termini effluvio e defluvio sono utilizzati in ambito tricologico per indicare una caduta di capelli importante. I fenomeni hanno caratteristiche differenti ed andamenti differenti.

Effluvio

Per Effluvio si intende la caduta di alcune centinaia e a volte migliaia di capelli al giorno. Il fenomeno dell’effluvio può essere talvolta di portata molto ingente, tuttavia questo tipo di manifestazione è reversibile, e tende ad una risoluzione spontanea.

Le manifestazioni più comuni di effluvio sono il telogen effluvium acuto e il telogen effluvium cronico.

TELOGEN EFFLUVIUM ACUTO

Questo fenomeno comporta i seguenti aspetti:

  • Aumento della caduta dei capelli in fase telogen
  • Una caduta non ristretta solo ad alcune zone, ma che può interessare tutto il cuoio capelluto
  • Una miniaturizzazione dei capelli non presente

Durante l’effluvio il rapporto tra capelli in telogen e capelli in anagen si altera sensibilmente:  il 25% dei capelli si trova in fase anagen e ben l’85% in fase telogen. Passano la mano tra i capelli ne possono rimanere anche centinaia tra le dita, ma si tratterebbe di fusti perfettamente in forma e senza segni di involuzione.

Nella maggior parte dei casi il telogen effluvium è un evento acuto che va incontro a risoluzione spontanea. Risolvendosi in maniera spontanea comporta il ripristino della normale capigliatura, senza cambiamenti nella qualità e nella quantità dei capelli.

A volte però  la caduta di cosi tanti capelli può rendere manifesta la presenza di un’altra problematica sottostante,  mettendo in evidenza la visibilità del cuoio capelluto o la presenza di una problematica pregressa ad andamento degenerativo, come per esempio l’alopecia androgentica.

Ecco alcune cause scatenanti:

  • Stress. Generalmente la causa di un telogen effluvium acuto è un evento stressate, forte e di breve durata che costringe i capelli a rifugiarsi nella fase telogen. La caduta inizia circa 12-15 settimane dopo il verificarsi di tale evento.
  • Malattie sistemiche o febbre elevata. Una febbre elevata può indurre un telogen effluvium anche molto importante. Anche le malattie sistemiche come le neoplasie, malattie autoimmuni, malattie infettive possono provocare una forte caduta di capelli in fase telogen.
  • Interventi chirurgici.
  • Dimagrimento eccessivo. La perdita di peso causa telogen effluvium. Le diete che eliminano completamente latticini e carboidrati sono particolarmente dannose e possono causare cadute di capelli molto importanti e protratte.
  • Interruzione del trattamento con Finasteride. Uno stop non graduale della terapia provoca un importante caduta, perché tutti i follicoli mantenuti in fase anagen dal farmaco entrano rapidamente in fase telogen.

TELOGEN EFFLUVIUM CRONICO

Nel telogen effluvium cronico il paziente lamenta da mesi o da anni una rilevante caduta di capelli senza variazioni stagionali e senza tendenza alla remissione spontanea, che con il tempo porta ad un diradamento di varia gravità. La causa va ricercata in un evento perturbante ad andamento lungo o cronico, come l’assunzione di determinati farmaci (beta-bloccanti, antidepressivi, antiepilettici, antimalarici, anti parassitari, etc), distiroidismi o patologie psichiatriche.

Spesso il telogen effluvium cronico può essere accompagnato da parestesie, dolori alla base dei capelli, o sensazione di punture di spillo sul cuoio capelluto. In questo caso si può arrivare ad una condizione di ipotrichia, ossia uno scarso sviluppo congenito capelli.

Defluvio

Il defluvio è una caduta di capelli di modesta entità ma che ha una durata protratta nel tempo. Ciò che caratterizza il defluvio e lo differenzia dall’effluvio è che, in questo caso, si arriva alla perdita dell’unità follicolare, creando una scopertura definitiva ed irreversibile.

La manifestazione più comune di Defluvio è il defluvio in telogen.

DEFLUVIO IN TELOGEN

ll defluvio in telogen comporta la progressiva involuzione del capello verso il pelo vellus o la perdita progressiva del follicolo, fino alla sua completa atrofia.

La conta dei capelli caduti non supera quasi mai la centinaia al giorno. Passando la mano tra la chioma rimangono tra le dita due o tre capelli, i cui fusti sono corti, appaiono sottili e con bulbi di diametro ridotto, che di solito sono allocati più superficialmente nel derma rispetto a quelli con sviluppo normale. Ciò che fa la differenza in questo caso non è la quantità dei capelli che cadono, bensì  la qualità: hanno caratteristiche intermedie tra il pelo terminale e il pelo vellus. Il follicolo tende con il passare del tempo a miniaturizzarsi fino alla definitiva scomparsa del bulbo e la perdita definitiva degli annessi, condizione che purtroppo è irreversibile. Ciò determina la visibilità del cuoio capelluto.

La causa più comune di defluvio in telogen è l’ alopecia androgenetica o la calvizie comune.

Rispondi