Finasteride

[LEZIONE 10]

Finasteride è un farmaco che si assume per via orale, che blocca la conversione del testosterone in diidrotestosterore (DHT), l’ormone in gran parte responsabile della calvizie maschile. La Finasteride agisce inibendo l’azione dell’enzima 5- alfa reduttasi tipo II che è presente in concentrazioni più alte all’interno e attorno ai follicoli capillari degli uomini che soffrono di alopecia androgenetica

La Finasteride produce una rapida riduzione delle concentrazioni di DHT nel siero, che inibisce la miniaturizzazione dei follicoli colpiti ed aiuta a riportare i follicoli miniaturizzati ad un livello di capello maturo in ricrescita. 

Gli studi hanno dimostrato che dopo cinque anni di trattamento, il 90% degli uomini che assumevano Finasteride avevano mantenuto i loro capelli o avevano avuto una ricrescita. Dopo 5 anni il 48% degli uomini in cura con Propecia presentavano una ricrescita di capelli, il 42% non aveva avuto cambi significativi (non vi era quindi stata un’evoluzione negative della calvizie rispetto all’inizio dello studio) mentre il 10% aveva perso più capelli rispetto alla situazione di partenza. 

Gli effetti di Finasteride sono limitati alle zone dello scalpo diradate ma in cui sono ancora presenti dei capelli. Il farmaco non sembra dunque in grado di far crescere capelli in zone completamente calve. Ne risulta che il maggior beneficio derivante dall’uso di Finasteride è quello legato alla sua capacità di rallentare o arrestare la caduta dei capelli e/o di promuoverne la ricrescita in alcune zone dello scalpo, in cui i capelli sono indeboliti. 

La Finasteride raggiunge il picco massimo d’efficacia dopo uno o due anni di utilizzo, ma i suoi benefici vengono meno se si sospende il suo uso.

La somministrazione di questo farmaco spesso spaventa i pazienti, date anche le informazioni che circolano sul web riguardo gli effetti collaterali che la Finasteride può avere sulla sfera sessuale. Tali sides sono in realtà spesso assenti e, qualora presenti, comunque ridotti e completamente reversibili all’interruzione della terapia. Si stima che una percentuale tra il 4% e il 6%dei pazienti lamenta sides principalmente a carattere sessuale: calo della libido, disfunzione erettile, riduzione del volume dell’eiaculato, ginecomastia unilaterale, intorpidimento testicolare e del pene, svogliatezza.

Rispondi