La Miniaturizzazione dei Capelli

[LEZIONE 8]

Chiunque inizi a perdere i capellia causa dell’alopecia androgenetica noterà che la qualità dei capelli colpiti inizia a diminuire, che crescono meno in lunghezza e che appaiono di calibro sempre più sottile. I capelli diventano miniaturizzati.

Di seguito la classificazione stilata dal SITRI dei vari gradi di miniaturizzazione che portano un capello colpito da alopecia androgenetica dallo stato di normalità a quello di finale di Vellus.

Anagen VII : la condizione perfetta. Va precisato per correttezza che questo grado di displasia non compare nel maschio adulto ed è prerogativa dei bambini e delle donne giovani o in gravidanza. La durata della fase anagen va dai 4 ai 10 anni e sia il calibro che la velocità di crescita (circa 1.2 cm al mese) sono ottimali.

Anagen VI: questo è il capello tipico del maschio adulto e non colpito da calvizie. La durata della fase anagen va dai 2 ai 4 anni e sia il calibro che la velocità di crescita (circa 1 cm al mese) sono ottimali, seppur non al livello del Anagen VII. Si tratta comunque di un capello perfettamente sano e normale.

Pseudo Displasico: qui si può cominciare a parlare di capello miniaturizzato ed è tipico delle fasi iniziali dell’alopecia androgenetica. La durata della fase anagen è dimezzata e va da 1 a 2 anni, il calibro inizia a diminuire e le guaine di cheratina hanno qualità più scarsa. La velocità di crescita è ancora buona (poco meno di 1 cm al mese). Si tratta di uno stadio in cui il capello pur non essendo perfettamente sano, ha una miniaturizzazione davvero minima e offre ancora un’ottima copertura. Solo un occhio attento o un controllo con videodermatoscopia consente di rilevarli.

Displasico: la miniaturizzazione del capello è nettamente riconoscibile. La durata della fase anagen va dai 6 mesi a 1 anno, il calibro diminuisce ulteriormente e le guaine di cheratina presentano evidenti malformazioni. La velocità di crescita è di circa 0.75 cm al mese e unito alla breve fase anagen fa si che questi capelli non possano raggiungere lunghezze elevate (dai 4 ai 10 cm prima di cadere).

Alopecico: la durata della fase anagen va dai 3 ai 6 mesi e le guaine di cheratina sono scarsamente visibili. La velocità di crescita è di circa 0.6 cm al mese Quindi i capelli in questo grado di displasia raggiungono lunghezze massime dai 2 ai 3.5 cm.

Vellus o Miniaturizzato: la calvizie è in stato avanzato e la miniaturizzazione è al massimo grado. La durata della fase anagen va da 1 ai 3 mesi e le guaine di cheratina sono assenti difatti i vellus non hanno pigmentazione e sono poco visibili. La velocità di crescita è di circa 0.6 cm al mese Quindi i capelli in questo grado di displasia raggiungono lunghezze massime dai 0.5 ai 1.8 cm. Dopo questo stadio il follicolo si atrofizzerà definitivamente.

Nota importante: chi è colpito da diradamento non ha meno capelli di quando ha cominciato a perderli. I capelli sono più sottili, meno pigmentati (colorati) e crescono più lentamente, pertanto danno l’impressione di essersi ridotti in numero.

Un follicolo non è completamente atrofizzato fintanto che continua a generare un capello, sia esso sano (capello terminale) o quasi completamente invisibile; è questo il caso del capello Vellus, quel capello molto piccolo, quasi trasparente e lungo pochi centimetri o millimetri simile al capello del neonato. Guardando con attenzione una persona quasi completamente calva, infatti, sarà possibile notare comunque alcuni piccolissimi capelli Vellus, che, malgrado non diano alcun contributo estetico, sono però la prova che l’attività di quei follicoli non è cessata. 

I principali trattamenti anti-calvizie attualmente disponibili agiscono tramite l’inibizione dell’enzima 5alfa-riduttasi (5aR) evitando che il testosterone si leghi ad esso per formare il DHT nocivo al follicolo pilifero, oppure bloccando i recettori degli androgeni. In questo modo si può assistere ad un arresto del ciclo di miniaturizzazione del follicolo ed ad una inversione dello stesso, con un inspessimento dei capelli ed un aumento di colorazione.

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Rispondi