Rimedi Estetici

Le alternative al Trapianto di Capelli possono essere classificate come Rimedi Estetici. Le soluzioni non chirurgiche attualmente più diffuse sono, la Tricopigmentazione, la Protesi Capillare e le Microfibre di Cheratina.


[LEZIONE 21]

Tricopigmentazione

La Tricopigmentazione è una tecnica in continua evoluzione utilizzata per mascherare la perdita dei capelli sia nel caso in cui i capelli siano rasati o lunghi, derivante concettualmente dal tatuaggio. Essa permette, con strumenti specifici, di introdurre nel derma superficiale delle piccole quantità di pigmento al fine di simulare il capello nella fase di crescita. In questo modo una testa glabra sembrerà coperta da capelli cortissimi e una testa diradata sembrerà più folta grazie alla riduzione del contrasto cromatico tra capelli e cute.

La strumentazione, la tecnica e i pigmenti di questa soluzione differiscono sia da quelli da tatuaggio sia da quelli della micropigmentazione. Questa soluzione garantisce ottimi risultati, sia in caso di copertura di aree diradate, sia in caso d’integrazione post autotrapianto. La tricopigmentazione, mediamente, utilizza un pigmento che si riassorbe nel tempo e quindi non è permanente. Un pigmento che va via consente di modificare il lavoro, cambiarlo seguendo le preferenze del paziente, o di abbandonare l’idea di ripeterlo. Negli ultimi anni si sta sviluppando anche in Italia la tecnica permanente.

I principali trattamenti che possono essere eseguiti con la tecnica di tricopigmentazione sono:

effetto rasato, quando si vogliono tenere i capelli molto corti, circa 1 mm. In questo caso si va a simulare una testa rasata e la densità dipenderà da diverse variabili come il fototipo, la densità indigena in zona occipitale e superiore, le aspettative dell’utente.

– effetto densità, per mantenere i capelli lunghi sopra il centimetro. In questo caso si esegue un effetto rasato più intenso e i puntini vengono matematicamente disposti in maniera differente nella seconda seduta.

– effetto copertura, utilizzata per mascherare le cicatrici dovute a interventi chirurgici di trapianto di capelli o post trauma. Non tutte le cicatrici possono essere trattate con successo.


[LEZIONE 22]

Protesi Capillare

La Protesi Capillare è adatta a chi ha problemi di calvizie e diradamento e ha bisogno di rinfoltire certe zone della testa. Viene fatta interamente su misura: si realizza il calco della conformazione della testa, si sceglie la tonalità, lo spessore, l’ondulazione e il calibro più simile ai capelli esistenti.

I capelli sono annodati a un impianto sottilissimo fatto a nido d’ape, chiamato lace, che si maschera perfettamente con la pelle dello scalpo, è sottile qualche decimo di millimetro, è traspirante e si confonde in maniera pressoché perfetta con i restanti capelli naturali. La protesi va incollata alla testa tramite apposita colla neutra o adesivi, in corrispondenza dello spazio vuoto dove un tempo si avevano i capelli.

Gli svantaggi sono il costo elevato e la manutenzione periodica. Su quest’ultima influisce soprattutto lo stile di vita del soggetto: se ad esempio si pratica sport con continuità la protesi potrebbe danneggiarsi maggiormente con l’acidità del sudore. Mensilmente la protesi va staccata con appositi scollanti, pulita e poi riapplicata alla cute.


[LEZIONE 23]

Microfibre di Cheratina

Per hair concealer s’intende una fine polvere di microfibre a base di cheratina (le esatte percentuali della molecola variano da prodotto a prodotto). Disponibile in diverse colorazioni, viene spolverata sui capelli, per nascondere il diradamento e le aree lucide del cuoio capelluto.

Il funzionamento è semplice: le microfibre sparse sul cuoio capelluto si “legano” elettrostaticamente ai capelli, dando immediatamente un aspetto più folto e pigmentato alla capigliatura. É importante che nell’area diradata vi siano dei capelli, seppur miniaturizzati e depigmentati, in modo che le microfibre trovino un ancoraggio su cui depositarsi, altrimenti il prodotto scivola via e non si ottiene alcun risultato. Funziona infatti solo nei casi in cui la calvizie non sia eccessivamente ampia, e se il capello è della lunghezza giusta (non troppo corto ma nemmeno troppo lungo). Solitamente copre con buoni risultati il diradamento dietro la nuca, sempre se non eccessivo, mentre risulta più difficile coprire l’hairline e le tempie.

Lo svantaggio sta nel fatto che in testa ci saranno microfibre che potrebbero macchiare i cuscini e le mani che entrano a contatto con i capelli; inoltre è fondamentale che le microfibre siano rimosse tramite lavaggio quotidiano della cute. Il rimedio è totalmente inutile per chi ha già perso tutti i capelli.
Il brand più famoso per questo prodotto è il Toppik.